Dormire in un rendering

    Non capisco bene ma perchè Cino Zucchi ha messo una tipa che dorme nella biblioteca del museo dell'automobile di Torino, e, poi, non contento mette la stessa ragazza che studia un interessantissimo trattato sulla destra? E chi è quel tipo con i sandali e le calze che parla con le testimoni di geova? Misteri dei rendering.

    14 thoughts on “Dormire in un rendering

    1. In my opinion la chiave di lettura è nei tratti della ragazza = asiatica.
      E tutti lo sanno, gli asiatici si assomigliano un po’ tutti.
      In questo caso abbiamo due gemelle asiatiche:
      – Una ha ceduto dopo essersi scolata un litro di levissima
      – L’altra regge ancora a fatica, ma quel libro della storia della Fellali la sta facendo crollare.

      Ora, le testimoni di Geova non mi preoccupano, quello coi sandali è un professore di Ingegneria dei veicoli terrestri, cattolico praticante… e quasi sicuramente le convincerà a ricredersi sulla bontà della loro traduzione della Bibbia, prima ancora che le due riescano a rifilargli una copia di SVEGLIATEVI!!!!!!!!!

      Sono invece “confuso” dalla ragazza che sullo sfondo sta cercando un libro sugli scaffali… a me sembra una 3° gemella asiatica.
      Ed è questo il dato preoccupante: 7 persone, 3 cinesi e 2 testimoni di Geova?!
      Eccheccavolo, qui si sta esagerando.

    2. mi domando solo una cosa: come mai si riflettono sul pavimento lucido solo piano-mari-zumthor e le due testimoni e non le sedie e le scrivanie? Forse si tratta di sedie-scrivanie vampire…

    3. finalmente un tema che incoraggio da tempo, il popolo dei rendering! è la vendetta dei disegnatori. questa ubiquità della ragazza asiatica mi ricorda le foto truccate con migliaia di bandiere della lega sventolanti.

    4. ma ve la ricordate Kaori la spalmakraft a volontà? Secondo me questa triplice clone è proprio lei, la una e trina Kaori!

    5. Un render un pò .. forzato? Sbaglio o le linee di fuga di alcuni oggetti , tipo la prima scrivania in basso a sinistra del quadro, sono un pò impennate? E poi, quanta profondità! La giapponesina se pur a due passi dalla sedia riuscirebbe a poggiar solo una coscia su una di quelle sedie dietro lei : )
      Allora le ipotesi possono esser due :

      1) Moooolto photoshop (di sicuro)
      2) Un “forzatissimo” posizionamento della camera ottica

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.